LA CHIRURGIA MAXILLO-FACCIALE

Home / News / LA CHIRURGIA MAXILLO-FACCIALE

La Chirurgia Maxillo-Facciale

Chirurgia maxillo-facciale – A volte può capitare che si sentano delle strane sensazioni alla bocca, come un fastidio continuo, mal di testa, mal di denti e altri disturbi legati alla parte del cranio. 

Altre volte invece le patologie sono più evidenti come ad esempio il labbro leporino, o il sorriso storto…

Cosa vuol dire? 

Probabilmente c’è la necessità di un consulto da parte di un chirurgo maxillo-facciale

Cos’è la chirurgia maxillo-facciale?

Il chirurgo maxillo-facciale si occupa dei disturbi che riguardano la struttura funzionale dei distretti muscolari e delle problematiche legate alle condizioni estetico-funzionali dei denti, della bocca in generale, del cranio, del collo e del volto. 

In origine, il chirurgo maxillo-facciale guardava il campo dell’odontostomatologia, perché entrambe le discipline trattano le patologie e i disturbi riguardanti il cavo orale. 

Con il passare degli anni, si è capito che in realtà i disturbi anatomo-funzionali dell’apparato della masticazione non comprendono solamente il cavo orale, ma riguardano anche altri organi e sensi come il gusto, l’udito, l’olfatto e l’encefalo, senza contare tutti i problemi legati all’estetica. 

Un chirurgo maxillo-facciale deve guardare a più campi della chirurgia medica come la neurochirurgia, l’otorinolaringoiatria, l’oftalmologia e naturalmente la chirurgia plastica e l’odontoiatria. 

Di cosa si occupa?

Il chirurgo maxillo facciale si occupa e cura tutte le patologie legate a:

  • dolori al viso, anche dovuti a traumi;
  • malocclusioni;
  • dolori dovuti a cisti o tumori dell’osso mascellare;
  • patologie funzionali o estetiche.

A livello chirurgico sono trattati:

  • la ortognatica e l’implantologia;
  • la parte relativa ai tessuti molli, del palato e della lingua;
  • la chirurgia mandibolare e l’artroscopia temporo-mandibolare;
  • i disturbi facciali quali, ad esempio, le patologie infiammatorie;
  • i traumi e le malformazioni facciali;
  • la parte della chirurgia legata alla chirurgia oculare;
  • chirurgia plastica ed estetica;
  • la ricostruzione ossea delle malformazioni sia della mascella che la microchirurgia ossea.
chirurgia-maxillo-facciale-2

I disturbi temporo-mandibolari

In ambito di chirurgia maxillo-facciale si trattano anche i problemi legati all’articolazione temporo-mandibolare che collega la mandibola al cranio e ai muscoli della masticazione, permettendo di compiere la deglutizione e le masticazione. 

La forma più comune è il classico click della bocca quando è in procinto di masticare o sbadigliare. I casi più gravi invece presentano sintomi come il mal d’orecchie, mal di testa, dolori infiammatori durante l’uso della bocca. 

Altre forme di disturbo temporo-mandibolare possono essere il bruxismo o la dislocazione del disco che si trova fra i muscoli della mascella e la cavità dell’osso temporale. 

Tutte le patologie incluse nell’apparato temporo-mandibolare devono guardare all’odontoiatria conservativa e, nella pratica, un chirurgo maxillo facciale interviene posizionando delle placche occlusali che ristabiliscono l’allineamento e la distribuzione del peso della mascella. 

chirurgia-maxillo-facciale-1

Malformazioni estetiche

La chirurgia ortognatica è in grado di correggere le disfunzioni o le irregolarità scheletriche e dentali causate da varie patologie.

In ambito estetico, la chirurgia maxillo-facciale si occupa di patologie come il labbro leporino, mentre per quanto riguarda le malformazioni facciali, le patologie più curate sono:

  • il morso aperto;
  • la protrusione della mandibole;
  • la retrusione della mandibola. 

Se vuoi ricevere maggiori informazioni o prenotare una visita, contattaci: siamo a tua disposizione per valutare insieme a te le eventuali problematiche e le possibili soluzioni.

Contattaci per maggiori informazioni!

Related Posts

Leave a Comment